County Donegal #1

maggio 4, 2008

County Donegal, aprile 2008. Appunti di viaggio (e foto su Flickr).

* Il Donegal è una contea irlandese atipica, che appartiene politicamente alla Repubblica ma geograficamente all’Ulster. Buona parte della contea fa parte del Gaeltacht, piccola regione linguistica in cui si parla il Gaelico Irlandese come prima lingua, mentre a est si avverte il forte legame con l’Irlanda del Nord. Alla creazione del Free State nel 1922 la contea è stata separata da Derry, suo capoluogo naturale ribattezzato Londonderry dai coloni inglesi – tanto per far capire chi portava i pantaloni in casa. L’infinita polemica sul nome di Derry ha tratti tragicomici: l’apice è stato raggiunto con la proposta di chiamarla ufficialmente Derry/Londonderry (letto “Derry stroke Londonderry”). Molti hanno quindi iniziato a chiamarla Stroke city.

* Nonostante gli investimenti governativi per lo sviluppo, il Donegal rimane un’area sostanzialmente rurale. Proprio la mancanza di grossi agglomerati urbani e industrie lo rendono una meta ideale per turisti in fuga dai lepricauni e dai cappelli verdi che infestano la capitale. Nei dintorni del Parco Nazionale del Glenveagh ci si imbatte in paesaggi desolati che ricordano una sorta di Patagonia in miniatura, con grossi montoni al posto dei guanacos.

Irish Patagonia

Irish Patagonia

* L’età media della popolazione è piuttosto bassa. Nei paesi, la domenica pomeriggio, non è raro imbattersi in gruppi di adolescenti su di giri per l’ultima partita del Liverpool o del Manchester. Tentando un parcheggio nel centro semideserto di Portsalon con alcune manovre piuttosto goffe, ho attirato l’attenzione di una decina di ragazzini che mi hanno dedicato coretti da stadio pieni di insulti indecifrabili. Mentre mi allontanavo seguito da sguardi malevoli, mi è venuto in mente che Jack, il leader dei cacciatori ne “Il signore delle mosche”, era lentigginoso e rosso di capelli.

* Un amico irlandese ha definito gli abitanti del Donegal “inbred”, termine dispregiativo usato per definire persone di remote zone rurali (traducibile con “incrocio di consanguinei”). Senza giudicare la qualità del loro patrimonio genetico, si può dire con certezza che i Donegalesi – adulti, si intende – siano gentili e ospitali. L’accento locale è molto difficile da capire, ma se ci si fa prendere dallo sconforto si può sempre pensare forse stanno parlando irlandese.

* Andare in Donegal senza macchina è inutile. Le zone collegate dai mezzi pubblici sono generalmente poco interessanti. Le strade sono poco trafficate e sono perfette per imparare a guidare a sinistra senza richiare di uccidere nessuno. Dopo un paio d’ore ci si abitua a stare sulla corsia sbagliata senza sentirsi a disagio.

* Il capoluogo del Donegal, Letterkenny, ha circa 7000 abitanti. Mentre gli affitti sono sensibilmente più bassi che a Dublino, il cibo ha gli stessi prezzi esorbitanti. Anche in Donegal ci sono i supermercati in miniatura Centra e Spar, microcosmi commerciali piuttosto affascinanti: scaffali pieni di micropacchetti di cornflakes e patatine, arance insapori a €1.40 l’una, vaschette di gelatina fucsia, bottigliette di acqua aromatizzata dalle etichette psichedeliche, pasti precotti immersi nel conservante, commesse polacche che chiedono “butter or mayo?” prima di confezionare panini spesso indigeribili, vini francesi di bassa qualità a €14 alla bottiglia e mille altre delizie.
I microsupermercati in Irlanda sembrano celebrare le gioie dell’extrapackaging estremo: ogni prodotto è avvolto da almeno due strati di materiali inquinanti. Un esempio su tutti: pacchetto da quattro mele golden su supporto ergonomico di plastica nera (simili a un sedile progettato per quattro natiche), avvolto da uno strato di plastica trasparente con grande etichetta su cui sono raffigurate, a colori, proprio delle mele golden. Inutile dire che le mele sono tutte perfettamente identiche e insapori. Prezzo del pacchetto: €3,15.

Una Risposta to “County Donegal #1”


  1. pur essendoci stato un paio di volte – con estrema delizia degli occhi e dello spirito – non avevo mai fatto un parallelo tra Donegal e la Patagonia. Ma devo dire che è veramente azzeccato!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: